Sandro Viletta: Il quasi dimenticato vincitore delle Olimpiadi vittima di ripetuti infortuni

Nel 2014 a Sochi Sandro Viletta ha vinto le Olimpiadi nella combinata, ottenendo così il maggior titolo che uno sportivo possa raggiungere. Tuttavia, la fortuna non è sempre stata dalla sua parte, come ha dolorosamente mostrato il successivo periodo di infortuni.

Sandro Viletta ha partecipato alla sua prima gara FIS nel dicembre 2001, e nel gennaio 2004 ha partecipato per la prima volta alla Coppa Europa. Il suo maggior successo da giovane è stata la medaglia di bronzo nello slalom in occasione dei Campionati mondiali juniores del 2006 nel Québec.

«È stata un'esperienza fantastica, andare in America del Nord per la prima volta e sciare in un altro continente. Faceva molto freddo e c'era molta umidità – me lo ricordo benissimo. La gara di slalom è andata molto bene e ho vinto una medaglia di bronzo. È stato sicuramente l'apice della stagione; la medaglia di bronzo mi ha ulteriormente motivato dopo aver preso piede nella Coppa Europa.»
Sandro Viletta

Il suo maggior successo da giovane è stata la medaglia di bronzo nello slalom in occasione dei Campionati mondiali juniores del 2006 nel Québec.

Il suo maggior successo da giovane è stata la medaglia di bronzo nello slalom in occasione dei Campionati mondiali juniores del 2006 nel Québec.

Il 12 dicembre 2006 Sandro Viletta ha fatto il suo debutto nella Coppa del Mondo con lo slalom di Levi e il 25 febbraio 2007 a Garmisch-Partenkirchen ha ottenuto il 16° posto guadagnando i primi punti in Coppa del Mondo. Sandro Viletta si è diverse volte classificato tra i migliori 20 e con il tempo è entrato a far parte dei 10 più forti; il suo miglior risultato fino alla prima vittoria in Coppa del Mondo è stato il quarto posto ottenuto il 10 gennaio 2009 nello slalom gigante di Adelboden. In occasione della sua prima partecipazione a un grande evento, i Campionati mondiali 2009 in Val d'Isère, ha ottenuto un buon sesto posto nella supercombinata e il 13° nello slalom.

«Con la combinata avevo iniziato da poco; nell'estate precedente non mi ero allenato molto in questa disciplina. Tuttavia questo mi ha consentito di rendermi conto di avere potenziale anche per le discipline di velocità. In Val d'Isère la discesa è andata molto bene e lo slalom discretamente; ma bisogna anche dire che le condizioni della pista nello slalom erano molto difficili – ci sono state numerose cadute. In generale c'era un'ottima atmosfera a questi Mondiali; ho dei bei ricordi.»

In occasione della sua prima partecipazione a un grande evento, i Campionati mondiali 2009 in Val d'Isère, ha ottenuto un buon sesto posto nella supercombinata e il 13° nello slalom.

In occasione della sua prima partecipazione a un grande evento, i Campionati mondiali 2009 in Val d'Isère, ha ottenuto un buon sesto posto nella supercombinata e il 13° nello slalom.

Ai Giochi olimpici invernali 2010 di Vancouver Sandro Viletta è stato eliminato nello slalom, mentre nella supercombinata è riuscito a ottenere il 14° posto e nello slalom gigante il 15°.

«I Giochi olimpici invernali di Vancouver sono stati una cosa magnifica– è stato grandioso. Sono stato in Canada per quattro settimane. Per atmosfera e persone, è stato probabilmente il grande evento più bello a cui io abbia mai partecipato. Finalmente questi Giochi mi hanno permesso di imparare molto.»

Ripetuti problemi di salute

Ai Campionati mondiali 2011 di Garmisch-Partenkirchen Sandro Viletta era nuovamente stato eliminato nel Super G (e nello slalom gigante aveva raggiunto solo il 24° posto), ma il 3 dicembre 2011 ha vinto la sua prima gara dei Mondiali con il Super G di Beaver Creek; il secondo posto è andato al norvegese Aksel Lund Svindal e il terzo al compagno di squadra Beat Feuz.

«Per tutto il giorno aveva nevicato leggermente. Durante l'ispezione della pista avevo notato che il Super G era molto tecnico, cosa che mi era favorevole. Il pendio era ripido e la neve molto aggressiva, cosa che conosco bene dall'Engadina. Quindi avevo già fatto i miei calcoli. Sapevo che si trattava di un'enorme opportunità per me. Solo arrivato al traguardo con il numero 30 e il fatto che sia andata subito così bene è stato naturalmente sensazionale.»

Ritratto Sandro Vialetta

Ritratto Sandro Vialetta

Dopo questa vittoria ai Mondiali, Sandro Viletta ha avuto sempre più problemi di salute. Ciononostante: ai Campionati mondiali 2013 di Schladming ha realizzato un'ottima prestazione, ottenendo il quinto posto nella supercombinata. La supercombinata avrebbe avuto ancora un ruolo importante nella carriera di Sandro Viletta.

«Nella discesa, dopo 20 secondi sono scivolato – mi sono davvero spaventato, ma per fortuna poi è andato tutto bene. In realtà ho fatto un ottimo slalom – un terzo posto ci sarebbe potuto stare – ma purtroppo non è andata. L'atmosfera allo slalom notturno era davvero eccellente. Anche di questo ho bei ricordi.»

Il testo integrale su Sandro Viletta e molte altre storie di vincitori svizzeri di medaglie d'oro sono disponibili nel libro: «Gold für die Schweiz» (Oro per la Svizzera). Qui è possibile ordinare il libro a un prezzo vantaggioso.